Le fate di Cottingley – Leggenda o verità ?

5
(5)

Le fatine di Cottingley sono una serie di cinque foto scattate da Elsie Wright e Frances Griffths, due giovani cugine di Cottingley, vicino Bradford, Inghilterra, che le ritraggono mentre interagiscono con delle fate.

Elsie era la figlia di Arthur Wright, uno dei primi ingegneri elettrici qualificati. Prese in prestito la macchina fotografica a lastre del padre e andò a scattare delle foto sul retro della casa di famiglia.

Quando il padre, sviluppando le lastre, vide le “fate” sull’immagine, le ritenne false. Al secondo scatto proibì ad Elsie di usare ancora la macchina fotografica. La madre di Elsie, Polly, invece le credette autentiche.

Nell’estate del 1919 la vicenda divenne di pubblico dominio e Sir Arthur Conan Doyle, l’autore di Sherlock Holmes, scrisse un articolo su una rivista di grido asseverandone l’autenticità, che diventò un libro.

Il ritorno delle fate

Comunque nei primi anni ’80 le cugine che scattarono le foto ammisero esplicitamente che le prime quattro erano false. 

Parlando della prima foto in particolare, Frances disse “Non capisco come la gente possa aver creduto che fossero fate vere. Potevo vederne il retro e le spille da cappello usate mentre scattavamo le foto”

Entrambe le ragazze comunque dichiararono, sin sul letto di morte, che la quinta foto era veramente autentica.

La Quinta Fata di Cottingley, anche se la bufala che ha coinvolto le fate di Cottingley, del 1920 circa, è ben nota, molti non sanno che una delle ragazze coinvolte ha insistito sul fatto che la 5° foto fosse autentica. 

Come vedrete nel video del 2009 del The Antiques Roadshow qui sotto, Frances Griffiths ha ammesso l’inganno negli anni ’80, insieme a sua cugina Elsie Wright, ma ha sempre detto, fino al giorno della sua morte, che la quinta foto era quella vera.

Nelle foto 1 -4, le ragazze hanno entrambe rivelato di aver usato opere d’arte ritagliate da Elsie e di averle infilate nel terreno con spille da cappello. 

Se si  guarda adesso, sembra abbastanza ovvio. Tuttavia, l’ultima foto sembra avere una qualità diversa rispetto alle precedenti quattro e in quella foto ci sono anche alcuni volti nascosti.


Ti è piaciuto questo post?

Clicca su una delle stelle per votarlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + 3 =